Guida: Come aprire un negozio online con WordPress e vendere con l’ecommerce

Sapete come la penso: WordPress è uno dei più semplici, potenti e flessibili sistemi di pubblicazione online. Dai blog personali fino a interi siti web WordPress ha dimostrato di poter essere un ottimo sistema di gestione dei contenuti per migliaia di siti.

Come ho accennato in post precedenti, WordPress può aiutare anche a gestire un negozio online di ecommerce.

L’esempio lampante è dato da iThemes, da cui ho tratto originariamente il contenuto di questo articolo: il loro sistema di ecommerce dedicato ai Temi Premium gira totalmente su WordPress integrato con Paypal e E-junkie.

Ho chiesto e ottenuto quindi da Cory Miller (webmaster di iThemes) l’autorizzazione a rendere disponibile in italiano la sua guida alla realizzazione di un sito di ecommerce con WordPress… eccola di seguito.

Cosa serve

  • Nome di dominio e hosting (io ospito quasi 20 blog su DreamHost, te lo consiglio, controlla su questa pagina lo sconto più adatto alle tue esigenze)
  • WordPress (beh… non c’è molto da aggiungere… )
  • Un servizio per ricevere i pagamenti (io ho sempre usato PayPal visto che mi è comodo anche per comprare e vendere su ebay ecc.. ma c’è anche Google Checkout, e altri ancora)
  • Un servizio di “consegna” digitale (io uso E-junkie) da quale i tuoi clienti possano scaricare ciò che hanno acquistato dopo aver pagato…

Altri “attrezzi” quasi indispensabili:

  • Un buon tema ecommerce per WordPress: diventerà la tua vetrina e il tuo negozio, non risparmiare su questo! (io consiglio IThemes E-Commerce: l’immagine deve essere professionale o nessuno comprerà da te!)
  • Un servizio di newsletter via email per aggiornare i tuoi potenziali clienti sulle novità e proporre loro le “offerte speciali” (io uso Aweber e non tornerei mai indietro. Mesi fa ho spiegato in questo post perchè l’ho scelto)

Mettiamo insieme i pezzi

WordPress in azioneRegistra il tuo dominio e installa WordPress

. Come fare non è argomento di questa guida, ma se non vuoi farlo tu puoi sempre rivolgerti a qualcuno che lo faccia per te 😉 (a pagamento… ma in fondo tu stai aprendo un negozio, no?) oppure approfittare del sistema OneClickInstall di DreamHost.

WordPress è semplicemente lo strumento (facile da usare e gratuito) per gestire il contenuto del tuo sito (e del tuo negozio): testi, immagini, navigazione, pagine, prodotti, e così via.

PayPal può accettare anche carte di credito ed è in italianoIscriviti a Paypal o Google Checkout: saranno questi a gestire i pagamenti, non WordPress. Potrai utilizzare questi servizi per accettare i pagamenti online dai tuoi clienti, incluse le carte di credito, senza doverti preoccupare di nessun dettaglio tecnico nè finanziario. Su ogni compravendita tratterrano una percentuale, il resto verrà depositato sul tuo conto online dove lo potrai utilizzare per fare altri acquisti oppure potrai depositarlo sul tuo conto bancario.

E-junkie è il servizio che uso io... ma ce ne son altri...Registrati a un servizio di consegna digitale. Si tratta di un servizio praticamente indispensabile se tratti “prodotti digitali”: temi per wordpress o per joomla, e-book, podcast, e così via. Ma sono servizi molto utili anche nel caso di “beni tangibili” gestiscono i costi di spedizione, le riserve di magazzino, la fatturazione ecc..

Nel caso dei beni digitali il processo di vendita è completamente automatizzato: una volta che il cliente avrà pagato con Paypal (per esempio) il servizio di consegna digitale (poniamo E-junkie) gli invierà direttamente per email un link criptato per il download dell’articolo acquistato. Senza un servizio di questo tipo dovresti inviare a mano via email ogni acquisto ai tuoi clienti: 24 ore al giorno, 7 giorni su 7…

Concludendo: perchè usare WordPress per il tuo negozio online?

Le motivazioni per cui a iThemes hanno deciso di gestire l’ecommerce con WordPress e lo consigliano ai loro clienti (e che io sottoscrivo in pieno) sono in definitiva le seguenti:

  1. E’ ottimizzato per i motori di ricerca. Con un buon tema ben ottimizzato è facile ottenere un buon vantaggio competitivo rispetto ad altri sistemi di ecommerce nel posizionamento… e quindi è più facile che potenziali clienti trovino il tuo negozio e/o i tuoi prodotti
  2. E’ gratis. Non solo. E’ open source: ci puoi fare quello che vuoi: modificarlo, migliorarlo, estenderlo… Inoltre ha una comunità di supporto mondiale tra le più estese e competenti. Certo i servizi a supporto della vendita (paypal, e-junkie) gratis non sono: ma si tratta di spese che dovresti sopportare comunque anche con altri sistemi. E comunque si tratta di cifre piuttosto basse.
  3. E’ semplice. Se tu (o il tuo cliente, o la tua commessa virtuale) sai usare Word allora puoi imparare facilmente ad usare WordPress. E con poco sforzo puoi imparare a gestire il tuoi sito di ecommerce attraverso l’interfaccia visuale di WordPress

Come vi ho detto questo articolo è un adattamento di un post di Cory Miller di iThemes. Se vi è piaciuto e desiderate ringraziarlo (ma soprattutto se state cercando un ottimo tema wordpress per l’e-commerce) fate un salto sul suo sito: ci sono davvero un numero di ottimi temi professionali da testare con un rapporto qualità/prezzo interessante.

Post Scriptum

Una strada alternativa a quella illustrata da questa guida è quella di utilizzare un plugin chiamato wp-eCommerce. Non ho per ora esperienza diretta del suo utilizzo, ma so che nella comunità dei nostri lettori c’è chi ne fa un uso quasi quotidiano: metto a disposizione WordPressMania per chiunque voglia pubblicare una guida/recensione all’uso di wp-eCommerce… chi si fa avanti?

29 commenti:

  1. Ciao, complimenti per l’articolo, molto utile.

    Quello che secondo me potresti trattare, in un prossimo articolo che sarebbe l’ideale continuazione, è QUALI prodotti vendere: infatti una volta realizzato il “contenitore”, occorre riempirlo, e la cosa si fa più complessa secondo me.

    Occorre infatti trovare ottimi prodotti, possibilmente non troppo diffusi (quindi di nicchia) ma ad un prezzo concorrenziale, ed è moooolto difficile, non trovi?

  2. @Nicola (NBWeb.it) sono d’accordo!
    In effetti è da diversi mesi che sono tentato dall’idea di aggiungere una nuova categoria di post legati al marketing web e al settore più “business” ma mi frena l’idea di “annacquare” il target miratissimo di WordPressMania…

    Stefano

  3. Ciao Stefano, si certo, in effetti hai ragione, forse andresti un po’ off-topic… vedi tu, l’articolo avrebbe comunque un ottimo seguito secondo me.

    Appena avrò un attimo, magari ti chiedo di ripubblicare il tuo articolo sul mio sito, ti va l’idea?

  4. Se ti può interessare potrei scrivere qualche cosa, ho attivato ed utilizzo il plugin con buoni risultati di stabilità. Ovvio che va impostato a dovere.
    Fammi sapere..
    Un saluto..

  5. mi sembra un buon articolo e punto di partenza per chi come me sta approcciando ora WP. Ho una domanda: posso fare un blog e nello stesso tenpo e-commerce? Mi spiego: supponiamo che rendo disponibile una preview di un articolo e faccio pagare la lettura completa, oppure posto un prodotto (foto) e rendo il prodotto acquistabile da chi ne fosse interessato?

  6. @Erne, certo che si può, io ne ho realizzati diversi per alcuni clienti: il bello è che una volta impostati e realizzati sono semplicissimi da gestire (insomma io mi rifacco vivo solo quando c’è da aggiornare WordPress e poco altro…)
    Se vuoi renderti conto di cosa si può fare possono interessarti anche questi due articoli più recenti:
    Gestire iscrizioni a pagamento con WordPress come fanno i professionisti del settore
    11 plugin WordPress per siti riservati e community

    Se hai altre domande contattami pure

    Stefano

  7. Stefano,
    interessante. Dalla tua risposta credo che tu abbia colto. Potresti indicarmi qualche sito di riferimento che implementa la funzionalità? Potrà esseremi veramente utile per valutare l’operabilità del plugin.

    GRAZIE per la tua disponibilità.

    E.

  8. @erne
    se vuoi vedere qualche cosa di amatoriale ma funzionante (e funzionale) visita il blog che amministro (basta cliccare sul link del mio nome). Altrimenti ci sono una serie di siti che sono stati “pubblicizzati” dallo sviluppatore del plugin a questo inditizzo:
    http://www.instinct.co.nz/e-commerce/ e cerca nella barra laterale di destra il titoletto: Example WP e-Commerce Sites

  9. Un articolo molto interessante che dimostra l’ adattabilita’ di WordPress ad esigenze diverse.

    Mi piacerrebe sapere qualcosa in piu’ sulla gestione delle sessioni ed avere qualche esempio di siti e-commerce sviluppati in questo modo.

    Cordiali saluti
    Mario Pesce

  10. Si è parlato di prodotti digitali, per quanto riguarda prodotti tangibili, è la stessa identica cosa, o bisogna fare attenzione a qualcosa????
    E’ possibile in definitiva vendere dei prodotti tangibili seguendo le istruzioni sopra??
    Grazie

  11. Bella guida ! Una domanda : e se volessi creare un sito “e-commerce” in cui voglio far si che i visitatori possano scaricare GRATIS foto , programmi eccetera gratuitamente cosa bisogna fare?

  12. Ho creato un sito con WordPress wp-ecommerce. Vendo gadget personalizzabili. Avrei quindi bisogno che il cliente quando acquista, potesse inviarmi (caricare) un file. E’ possibile? Come?
    Grazie.

  13. Esiste per caso un plugin capace di fare questo (premetto che con wordpress ho già costruito l’eccomerce e posso vendere anche file online):

    1- permette l’upload di file (da vendere) di altri utenti collaboratori
    2- permette il pagamento del file scaricato dai clienti direttamente a chi ha fatto l’upload
    3- trattenere una percentuale (da impostare) sulla vendita, come costo del serivizio

    Grazie a tutti

Rispondi