5 cose da fare SUBITO per avere più visite al tuo blog

Mi ha scritto un’email un amico chiedendomi qualche buona idea per aumentare il traffico verso il suo blog.
Mi dice, in sintesi:
Stefano, anche oggi ho dato un’occhiata alle statistiche delle visite del mio sito e… beh non vanno male… però…
..però i numeri sono sempre quelli… crescono un po’, poi calano, ma quella bella crescita costante dei primi tempi, beh… quella non si vede più…
Mi dai qualche idea per “smuovere un po’ la situazione, ma tieni conto che ora non ho tempo da dedicare al sito, vorrei idee veloci…
Bene, mi piace: “idee veloci per smuovere un po’ il traffico verso il blog“…
Ecco le prime idee che mi sono venute in mente:


Il primissimo consiglio che darei è quello di scrivere qualche Guest Post su blog attinenti agli argomenti del tuo blog.

Sì, certo non è una cosa veloce da fare, ma è probabilmente il metodo più efficace sia sul breve che sul lungo periodo per acquisire lettori e visitatori “fedeli”. Si tratta di offrirsi di scrivere articoli/post su blog del tuo settore. E’ il modo migliore per far conoscere il proprio sito ed aumentare la propria autorevolezza.

Se tutto questo suona nuovo alle tue orecchie, Chris Garret lo spiega bene nel suo nuovo ebook  Guest Posting Info (affiliato). Io l’ho comprato ieri e l’ho letto tutto d’un fiato.

Ora sto preparando le prime email da mandare per offrire i miei articoli su blog ad alto traffico. Sono 17 euro ben spesi (e l’inglese che usa Chris è comprensibilissimo)!

Ma se il metodo “Guest Post” è troppo impegantivo, ci sono comunque plugin che puoi installare che ti possono aiutare a “diffondere con il passaparola” il tuo blog:

  • Aggiungi il pulsante LIKE di Facebook ai tuoi post: lo puoi fare velocemente con il plugin di WordPress Facebook Like Button. Faciliterai il “passaparola” a proposito dei tuoi articoli
  • Pubblica gli articoli del blog anche su Twitter; Puoi rendere automatico il procedimento con Twitter Tools un plugin per integrare WordPress e Twitter o affidarti a TweetMeme
  • Rendi facile ai tuoi lettori condividere il contenuto del tuo blog. Puoi usare il classico plugin Sociable per WordPress
  • Individua un forum relativo al tuo settore, iscriviti e comincia a rispondere alle domande. Rispondi con competenza e completezza e mantieni l’impegno costante nel tempo.

Queste sono le prime idee che mi sono venute in mente… voi che cosa suggerireste?

11 commenti:

  1. Per quanto mi riguarda, creare una Fan Page su Facebook un po’ di visite in più me le ha portate e magari, se carichi una immagine/foto nel post, dalle un nome il maggiormente descrittivo, infati ho notato che visite le ricevo anche da images.google.com

  2. Le pagine facebook possono portare molto traffico, ma dipende dal target del sito e ci vuole comunque un periodo di tempo per arrivare ad un numero di follower interessante (diciamo intorno ai 1000). Comunque è un’ipotesi da non sottovalutare.

    Ogni tanto poi fa bene chiedersi quanto tempo è passato dall’ultimo commento lasciato su altri blog a tema.

  3. Continuo a pensare, e il tempo mi sta dando ragione, che Content is King. Per avere soddisfazioni dal proprio sito o blog, è necessario produrre contenuti sempre originali e ben scritti. Non esistono altre regole e ne esisteranno sempre meno. Ovvio che la condivisione dei contenuti con una buona strategia di seo relazionale, magari sfruttando le potenzialità di aggregazione di linkedin, facebook o twitter, agevola certamente la brand reputation e migliora il trust rank del proprio dominio. Ma occorre lavorare, dal nulla non arriva nulla. C’è ben poco da fare. E forse è anche un bene che sia così.

  4. mi presento sono franco, un ciao a tutti voi,leggevo i vostri commenti ,e anche io credo sia proprio cosi,’ è il contenuto di qualità dei blog,la risposta giusta, alla ricerca di informazioni della gente, non credo ci siano altri segreti, e se ci sono ditemeli per favore…..

  5. Articolo molto utile, ma anche io condivido l’opinione di chi crede che la chiave migliore sia un impegno costanze e contenuti di qualità, per il settore di riferimento.

Rispondi