Quanto costa farsi fare un tema WordPress?

Questa è la domanda che si pone Napolux in un suo post uscito oggi.

I suoi lettori nei commenti propongono cifre di ogni genere, ma quello che mi ha colpito è che spesso si tratta di cifre irrisorie, a mio parere completamente fuori mercato.

Intendiamoci: mi riferisco a un tema originale, mediamente complesso, non di adattamenti di altri già esistenti, e realizzato “in esclusiva”

Il prezzi di un tema del genere deve remunerare tre aspetti almeno: l’unicità del tema: lo faccio per te e sarai l’unico ad averlo; il tempo impiegato: si può anche decidere di non farsi pagare un tot ad ora, ma il tempo è comunque passato e l’ho speso lavorando per te e non per altri; la qualità del lavoro: c’è chi è più bravo e chi meno. Ah, altra precisazione: parlo di lavoro vero, fatturato, non di un passatempo 😉

  • Allora, poniamo che un cliente vada dal web designer e gli dica “voglio un tema nuovo ed esclusivo (fatto su misura) per un sito fatto con WordPress“.
    Il web designer gli fa qualche domanda per analizzare la situazione, probabilmente gli sottopone alcuni design di siti esistenti per “capire la linea”.
  • Poi sviluppa alcune proposte sommarie e le sottopone al cliente.
  • Tra queste il cliente ne dovrebbe scegliere una, in realità quasi certamente dirà “mi piace l’intestazione della proposta A“, “la formattazione del testo della B“, “la siebar della C“, “ma i colori proprio non vanno” (combinate a piacere lepreferenze 😉 )
  • Il designer allora cerca di fare una sitesi e fa un’ulteriore proposta. Se è bravo e fortunato il cliente gli dà l’ok di massima.
  • A questo punto il designer comincia ad elaborare il tema, lo propone al cliente, con un po’ di “avanti e indietro” la garfica viene confermata.
  • Non rimane altro da fare che trasformarlo in template per WordPress, testarlo, installarlo… e aspetatre le inevitabili ulteriori richieste di adattamento e modifica del cliente… 😀

Per tutto questo (che non può durare meno di alcuni giorni) secondo voi chiedere meno di qualche centinaio di euro sarebbe corretto? Secondo me no.

Se il cliente non è disposto (che equivale, per me, a “non può”) a pagare tra i 300 e i 700 euro per un tema esclusivo e personale ha comunque delle alternative:

La più valida in termini di rapporto qualità/prezzo secondo me è rappresentata dai temi Premium: l’ho scritto più volte: hanno una qualità superiore alla media, sono meno diffusi di quelli free, e possono essere utilizzati dal designer come punto di partenza per accorciare i tempi di lavorazione abbattendo così i costi finali al cliente

L’altra alternativa consiste nelle migliaia di temi free: si può percorrere anche la strada di farsi personalizzare u tema già esistente free… anche in questo caso il costo dovrebbe abbattersi. Bisogna essere disposti a tollerare però i termini delle licenze, non sempre compatibili con l’utilizzo che se ne fa e il fatto che probabilmente, se il tema è bello, centinaia di altri utenti lo staranno già utilizzando 🙁

Voi che ne pensate?

28 commenti:

  1. Sono completamente d’accordo con te, un tema esclusivo non può essere svenduto. Se un cliente non è disposto a spendere cifre relativamente importanti, significa che quello che cerca non è un tema unico: in quel caso può trovarlo senza problemi tra le risorse premium e/o free che ci sono in rete.

  2. Continuo a ribadire che sul “bello” non c’è possibilità di convergenza assoluta (a differenza spesso del brutto). Un tema può essere piacevole per i più ma soprattutto un tema deve essere adatto.

    Perché, tanto per fare un esempio banale, un blog che sia solo diario può essere scritto in comic sans, un blog tecnico assolutamente no.

    Ricordo anni fa un articolo che parlava di carte intestate. Uno studio legale può (o quasi deve) usare una carta pregiata, un’associazione di volontariato assolutamente non deve.

  3. Farei attenzione quando si tratta di personalizzare un tema esistente: si rischia di finire a ricrearlo quasi da zero (un cliente difficilmente capisce da solo la differenza fra una piccola personalizzazione e una modifica strutturale) ad un prezzo decisamente più basso.

  4. Ciao, sono da poco un lettore del tuo blog, ma ora ricevo le tue newsletter e le trovo utilissime!
    Riguardo a quanto detto qui sopra: sono completamente d’accordo con te.
    Purtroppo il mercato è poco controllato e si rischia di far “figuracce” quando si propongono certi prezzi perchè l’amico del cugino del compagno di classe di suo figlio potrebbe farglielo a meno della metà del prezzo… ma poi quando saltan fuori i bachi? Quando la richiesta è leggermente fuori dalla linea? Quando si chiede qualcosa in più?

  5. fare un tema per wordpress equivale a fare un sito, con l’aggiunta che ci sono tag e funzionalità che devono funzionare alla perfezione.
    perciò non meno di 500 euro per un tema unico. ovvio che se lo rivendi su un portale che lo ridistribuisce a 10 euro per download, non è più originale, ma il guadagno è sempre identico, se non destinato a crescere. proprio non capisco quelli che parlano di 50/100 euro…e che è?!?!?!

  6. Ciao.

    Io sono pienamente d’accordo con te!! Creare un template per wordpress richiede tempo quanto lo richiede costruire un template per qualsiasi sito e/o piattaforma.
    Quello che valuto io è non solo la grafica che sia più curata o meno ma anche la personalizzazione della piattaforma in base al template o alle esigenze del cliente.
    Sicuramente realizzare un lavoro che stia sotto le 1000 euro non ha senso perchè anche nella fase in cui devo parlare con il cliente per i dettagli “perdo del tempo”… anche quando mi chiede le modifiche, etc… e quasi sicuramente si arriva ad un lavoro definitivo entro un mese se non più (dipende tutto dal cliente se fornisce i testi, marchi, loghi, etc… in tempi brevi o bisogna addirittura crearli!) quindi direi che sia un compenso onesto 1000€ (almeno!!) per qualcosa di professionale e fatto su misura.

  7. Concordo con Lauryn e Danilo: al cliente il fatto che il “sito” giri du WP o meno non deve interessare. Io ti faccio un “sito” e tu me lo paghi in base al tempo che ci metto, alla personalizzazione ecc, insomma come un sito normale.

  8. Concordo con gli ultimi tre interventi.. fare un template con wordpress spesso equivale a fare un sito vero e proprio… oltre al tema ai plugin agli effetti viene anche richiesto lavoro di editing testuale e infinite modifiche…. credo che quando si parli di temi a prezzi stracciati s’intenda qualcosa di non personalizzato..

  9. Probabilmente i lettori di Napolux sono meno “liberi professionisti” o “lavoratori in proprio” dei tuoi…
    Io posso dire che i prezzi sotto i 500 euro non mi pare proprio il caso di considerarli, parlando di un tema creato ad hoc.
    Ragazzi: si deve fare fatture e pagarci anche le tasse! Su 500 euro te ne restano metà di netti!!
    Poi è chiaro che se il cliente è un’azienda sai già che avrà un certo budget ed una certa propensione alla spesa; se è un tizio-blogger chiunque invece…

  10. SU siti come templatemonster vendono template “unici” ed in esclusiva da 450 ad oltre 2200 dollari (forse più) e non vengono creati ad hoc in base alle esigenze del cliente!

    Io credo che se uno vuole un prodotto esclusivo lo debba pagare profumatamente, quindi minimo 500 euro o anche più!

    Ma in Italia si cerca sempre la via più breve per risparmiare e trovare il compromesso, il compagno di classe del figlio del cugino in un paio di giorni glielo fà (magari con qualche tabella di troppo e senza css o pieno di bug, xhtml non sanno nemmeno cosa sia) ma con metà della spesa, e probabilmente scopiazzando da qualche theme precompilato o peggio ancora modificando un template gratuito….

    Secondo me il webdesigner è un lavoraccio quado si trovano clienti così e son sicuro che in Italia se ne trovano troppi!

  11. Io credo che i clienti che vogliono un prodotto che implica una settimana di lavoro (perché ci vuole tutta e forse non basta) pagando meno di 500 euro vadano cacciati a pedate.
    Il mio iodraulico per cambiarmi la cassetta dello scarico del bagno (2 ore di lavoro) mi ha chiesto 200 euro.

    Se l’amico del figlio del cugino del vicino di casa, gli fa lo stesso lavoro a meno prezzo… vadano a farsi fare il lavoro da lui!

  12. Ciao, è il mio primo commento qui…

    Io condivido il pensiero di chi ha parlato di almeno 1000 euro e di circa un mese di lavoro.
    Secondo me realizzare un template per wordpress non equivale a realizzare un sito tradizionale statico ma è più delicato e complesso perché ci si trova ad avere a che fare col php e bisogna stare attenti a dove si mettono le mani… senza contare le perdite di tempo spese in ricerche su come raggiungere un obiettivo o risolvere un determinato problema.
    Su un sito statico hai piena conoscenza del codice perché lo costruisci in prima persona un po’ alla volta, un sito basato su CMS somiglia più a un “mostro” creato da altri e con il quale prendere confidenza più che si può.
    La realizzazione grafica, dei CSS e le operazioni di debug rimangono punti in comune.

  13. Io non capisco chi sia disposto a pagare cifre così alte per un template più o meno personalizzato.
    Ora ci sono template e template, nel senso che se si crea un template base riadattato su un altro template già esistente non si può certo chiedere 300 euro; però con la vasta scelta di template che si trovano oggi in giro free e un po meno free (50dollari) è pressoché impossibile trovare chi sborsa così tanti quattrini..

    Ad esempio un template del genere secondo voi quanto può realmente valere?
    http://hoteltemplate.altervista.org
    Sono convinto che alcuni di voi penseranno non più di 20 euro e altri penseranno a più di 200 euro.
    Dovremmo creare una facoltà universitaria di estimatori di template!!

  14. Blog molto interessante. complimenti.

    Rispondo a Matteo: il template che hai segnalato http://hoteltemplate.altervista.org
    è bello ma è stato fatto con un software che si chiama artisteer che ha delle grafiche già pronte e te le genera pure random (www.artisteer.com) quindi, come si dice non è farina del sacco del Matteo web designer
    se era graficamente esclusivo minimo €. 500,00
    in quel €. 50,00

    Saluti

  15. Mah, mi accodo a tanti altri qua dentro, dicendo però che per meno di 900/1000 euro non ci penso nemmeno a fare un tema da 0…

  16. Ragazzi, ho letto tutti i commenti e state troppo bassi coi soldi! Ma non avete ancora capito che in giro ci sono tanti polli che credono a quello che dite a cui potete chiedere cifre esorbitanti? 500 euro… si per venire su e giù da te con mezz’ora di strada andare e mezz’ora tornare, fatto per 5-6 volte sono 20-30 euro l’ora tolte le spese di viaggio quindi non è pensabile che 500 siano al cifra del sito in se. Dai gente vedete di alzare i prezzi perche io chiedo 3-4mila euro solo per la consulenza praticamente =) compro il tema, glie lo installo…compro l’hosting, configuro tutto, rispondo a tutte le telefonate anche quelle per ca***te e via. Qualche giorno di lavoro e si passa al prossimo! Ma come pensate di poter aprire unos tudio, pagare mutui e far famiglai se vi fate pagare 1000 euro per un mese di lavoro! Per cortesia, c’è l’associazione nazionale fotografi che fa due pa**e così a tutti i professionisti per tenere alti i prezzi che seno si danneggia l’intera categoria e voi siete qui che parlate dei 50 euro. Come diceva l’esempio dell’idraulico, SIAMO PROFESSIONISTI. Ma vi rendete conte che creiamo quello che per gli altri è la maggior fonte di informazione verso i potenziali clienti? C’è gente che si apre AZIENDE partendo dal sito internet, c’è chi non ha nulla e con un sito fatto come si deve passa per una srl con filiali all’estero! Dai sul serio, non sto cherzando cominciate a chiedere cifre ben più alte perche vi assicuro che esclusi quelli che vogliono tutto a poco gli altri pagano.

    1. è vero che siamo troppo bassi, ma ti posso garantire che c’è gente che con 200,00 euro fa interi siti internet, magari porcherie tipo questo: http://www.bbdelia.it/dove.htm , fatto con frontpage 3.0 con codice e grafica pietosa copiati quà e la. Purtroppo giornalmente non si fanno siti o template per grandi aziende dove magari c’è una “figura” preparata che ne segue la realizzazione e soprattutto sa che un prodotto professionale ha un certo tipo di costo; bisogna lavorare anche con le realtà locali dove ti sgoli per fargli capire che con 200 o 300 euro è come comprare le scarpe dai cinesi e dopo quest’opera di convincimento potrai stilare un preventivo che va sui mille euro, se vai oltre perdi il lavoro sicuramente.
      Ovviamente in italia non esiste un ordine che certifichi la tua professionalità, quindi qualsiasi furbacchione smanettone improvvisato si presenta a posto tuo, al potenziale cliente incompetente, con le suddette cifre, ti fa perdere il lavoro e rovina l’intera categoria.

    2. Solo che per fare un sito wordpress non ci vuole un genio e i brillantissimi clienti che trovi che ti pagano 4000 euro per una consulenza dovrebbero strappare i preventivi 😉

      1. Certo che non ci vuole un genio ma di monnezza, fatta anche con wordpress, il web ne è pieno.
        Sono in molti che una volta scoperto come si installa wordpress o joomla in un server( magari con un bel tema gratuito con il worm compreso o java bacato) già si spacciano per web master o web design; poi non sanno neppure scrivere in italiano. Un sito per una azienda non serve per riempire il web come una discarica ma per l’mmagine dell’azienda stessa, quindi da saper usare (male) wp a realizzare un sito come si deve c’e molta differenza e la differenza ( ad es. studiare marketing e comunicazione) o la paghi oppure continui a vendere broccoli al mercato rionale 😉

  17. ciao a tutti, sono un ex webdesigner, ora ho cambiato mestiere, avrei bisogno di un sito web in cms e visto che qui ho letto post di gente che ne sà mi chiedevo se a qualcuno interessa farlo.
    trovo che il discorso dell’acquisto di un template pro da modificare graficamente sia vincente per nn spendere cifre impegnative.
    cmq il budget nn è sicuramente 50/100 euro.
    si parla di una grafica già fatta stile header/body/footer e di max 5 pagine.
    target : profilo musicale.

    se interessati scrivetemi.
    grazie
    c.

Rispondi